Mototurismo, viaggi in moto, itinerari, tour e motoraduni

Mototurismo - Viaggi in moto - Itinerari moto

  • Ricerca
  • Seguici su FB
  • Seguici su Google+
  • I nostri Widget

» Homepage » Mototurismo: Tour in Italia » Tour nel mondo » Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc    ||     INDIETRO

Mototurismo e viaggi: Tour in moto

LOS PICOS DE EUROPA IL PARADISO SPAGNOLO DEL MOTOTURISTA DOC

Mototurismo: Tour in moto Spagna

Tour in moto: Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc

» Il ROADBOOK del tour è disponibile - Ordinalo adesso

Alla scoperta in Spagna dello scenografico paradiso montuoso di Los Picos de Europa percorrendo per arrivarci i Pirenei

LOS PICOS DE EUROPA IL PARADISO SPAGNOLO DEL MOTOTURISTA DOC

In moto in Spagna nello scenografico paradiso montuoso dei Los Picos de Europa, le suggestive montagne situate a poca distanza dalla costa atlantica spagnola del nord. Per raggiungere questo eden per motociclisti ci sono numerose strade percorribili, ma seguendo la filosofia di Mototurismodoc, che impone di prediligere sempre i percorsi più panoramici e divertenti da guidare in sella ad una moto, abbiamo scelto la "via pirenaica". Si, abbiamo optato di seguire la sinuosa strada che dal Mediterraneo raggiunge l'Oceano Atlantico scavalcando i Pirenei spagnoli. Inoltre, il punto di partenza, fissato a Barcellona, è raggiungibile sia via terra, seguendo da Ventimiglia l'autostrada che accompagna la costa francese ed una volta entrati in Spagna connettersi nei pressi di Figueres su questo percorso, oppure imbarcarsi su di un comodo traghetto, da vari porti italiani, gustando così anche una piccola crociera.

La "via pirenaica" dall'asfalto pressoché perfetto, caratteristica comune a quasi tutte le strade spagnole, attraversa splendide montagne dai meravigliosi paesaggi , ma anche secoli di storia, tradizioni, cultura e gastronomia, arrampicandosi inoltre, per la gioia della guida, sui tortuosi passi del Coll de la Creu de Perves 1350m, della Collada de Toses 1800m, del Collado de Fadas 1470m, del Collado de Foradada 1020m, del Port del Cantó 1725m e del Puerto de Cotefablo 1423m. Per di più percorre alcuni tratti mozzafiato tra cui spicca il Congosto Ventamillo, un'angusta gola chiusa da due pareti di roccia a picco sulla strada dove a malapena passano due auto affiancate.

Si raggiunge così la costa atlantica seguendo la via più bella da percorre in moto, previa sosta a Pamplona per fare un po di jogging con dei "pacifici tori" (vi accoglieranno con entusiasmo adurante la festa di San Firmino, nei primi giorni di luglio). La costa del Golfo di Biscaglia (el Cantábrico) vi sorprenderà per la sua particolare bellezza selvaggia e per le caratteristiche località che la punteggiano: Bilbao, San Sebastian, Santander, Urdaibai, Zumaia. Sappiamo che un viaggio non può durare all'infinito ed il tempo è tiranno, ma almeno entrate con la moto in ognuna di esse per scoprire la loro anima e la loro essenza (il ns. file GPX vi accompagnerà in ognuna di essa).

Dopo circa 1.200 Km si raggiunge, proprio ai piedi delle montagne del Picos de Europa, l'antico borgo di Arenas de Cabrales e da qui inizia l'esplorazione in moto di questo paradiso per motociclisti che penetra nelle Asturie, in Castilla y León e in Cantabria. Si percorre la strada tutta curve e panorami che, dopo avere valicato il Jitu de Escarandi a 1317m. di altezza, porta a Tresviso. La strada termina in una sterrata, percorribile solo a piedi, che dopo un bel numero di tornanti porta ad una quota da dove si possono ammirare gran parte del Los Picos de Europa. Comunque in moto si arriva a Camarmeña e al vicino spettacolare Mirador del Naranjo de Bulnes, qui potrete godere della meravigliosa vista di Pico Urriellu, noto come "Naranjo de Bulnes". Nei pressi di Camarmeña si trova anche l'antico "Puente de La Jaya", un'altra reliquia vecchia di millenni. (anche qui il ns. file GPX vi accompagnerà in ogni luogo menzionato).

Qualche chilometro ed ecco la cittadina medievale di Congas de Onis. L'antica capitale del Ducato di Asturia è davvero deliziosa ed oltre al caratteristico centro storico offre anche il brivido di attraversare (a piedi) un antico ponte romano. Nei pressi si trova Cavedonga, famosa per l'omonima battaglia, qui infatti il re Don Pelayo organizzò le sue truppe contro i musulmani. La vittoria decretò il declino della tirannia musulmana ed introdusse il cattolicesimo. Oltre Cavedonga la strada porta ai laghi glaciali omonimi, la ristrettezza della strada, le numerose curve e i continui panorami mozzafiato consigliano in questo caso una guida rilassata. Ricordatevi anche che questa zona è famosa per il "Cabrales D.O.P", un formaggio davvero squisito.

Ritornati indietro dai laghi di Cavedonga si punta alla volta del "Desfiladero de los Beyos" e dello "Stelvio Asturiano". Il primo è un profondo e stretto canyon lungo 12 km creato dall'erosione delle acque del fiume Sella. Transitando su questa strada nazionale che unisce le Asturie con il León non si potrà fare a meno di condividere le parole dello scienziato francese Paul Labrouche, immortalate nella lastra di pietra che si trova nel mezzo della gola, che recitano: "La gola del Sella è la più ripida e imponente di tutte le gole europee e non può che dare, in piccolissima parte, la capacità del fantastico intaglio con cui gli ingegneri di Castiglia riuscirono a far passare una strada tra queste rocce". Lo "Stelvio Asturiano" invece è un impressionante serie di tornanti che portano in pochi chilometri a salire di quota in maniera impressionante. Non è il nostro Stelvio, ma sicuramente merita di essere percorso. Inoltre seguendo il nostro file GPX lo farete sia in salita che in discesa.

Lasciati alle spalle il Desfiladero de los Beyos e lo Stelvio Asturiano il percorso porta a Riaño, dove il contrasto tra il grande lago e le cime impressionanti dei Los Picos de Europa creano uno scenario unico per bellezza. Questa zona viene chiamata anche la "Svizzera spagnola", ma secondo noi neanche nel paese del cioccolato ci sono dei paesaggi così spettacolari. Le meraviglie però non finiscono qui, perché la strada che attraversa la stretta gola che porta a Caín de Valdeón, il cuore più profondo dei Los Picos de Europa, riserverà altre meravigliose e scenografiche sorprese con l'apoteosi del "Mirador del Tombo".

A Caín de Valdeón la strada si ferma ai piedi di cime imponenti ed invalicabili, si torna indietro e si valica il Puerto de San Glorio (1609m). La strada è ben asfaltata e ricca numerose curve molto ampie intervallate da alcuni punti panoramici, su tutti il "Mirador del Corzo" che vi costringeranno a parecchie soste per immortalare questo viaggio in moto indimenticabile. Pochi chilometri più avanti si attraversa Potes. La cittadina è famosa per la sua buona cucina, per la Torre dell'Infatado, per l'antica chiesa di San Vicente e il monastero francescano di Santo Toribio de Liébana, che custodisce uno dei più grandi frammenti della Lignum Crucis, la croce romana con cui fu crocifisso Gesù.

Raggiunta Las Hermida si lascia alle spalle questo meraviglioso massiccio montuoso per rientrare a Barcellona. Lungo la strada però si incontrano ancora luoghi molto suggestivi come il Puerto de Piedrasluengas (1355m) con l'omonimo Mirador, il Mirador Fuente del Chivo a 1980 m. di quota e Saragozza. Questa città adagiata sulle sponde del fiume Ebro è ricca di storia da raccontare ed offre ai suoi visitatori un ricco patrimonio storico-artistico, frutto dei suoi oltre duemila anni di storia. Qui Iberici, Romani, Musulmani, Ebrei e Cristiani hanno lasciato il loro segno rendendola degna del titolo di "Città delle Quattro Culture". Ed ecco Barcellona. Dedicatele almeno un giorno, è una città sorprendente.

Chilometri da percorrere (Barcellona-Barcellona): 2.374

Fotogallery
Foto apertura: In moto tra i Picos de Europa, - Foto 1: Mirador del Tombo nei pressi di Posada de Valdeon, - Foto 2: I Picos di Cain de Valdeon, - Foto 3: La Via Pirenaica in moto, - Foto 4: La stretta gola di di Cain de Valdeon, - Foto 5: Magnifica vista di Cavedonga, - Foto 6: Miradosr del Corzo al passo di Puerto San Glorio.

Foto 1 Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc
Foto 2 Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc
Foto 3 Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc
Foto 4 Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc
Foto 5 Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc
Foto 6 Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc
 

Mappa Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc

Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc - Mappa tour

Attenzione: se la strada è chiusa (tipo per neve), questa mappa può mostrare una via alternativa fino alla riapertura


E' disponibile il pacchetto ROADBOOK

di questo tour in moto: E. 24

leggi qui tutti i: » DETTAGLI ROADBOOK



Per acquistarlo, devi essere registrato, se non lo sei ancora » Registrati qui, usa una email corretta perchè il Pacchetto Roadbook ti verrà invitato alla tua email di registrazione entro 24 ore dall'accredito.


» Torna su

 

Bookmark and Share

Id: 271

Titolo: Los Picos de Europa il paradiso spagnolo del mototurista doc

Categoria: Viaggi avventura in moto nel mondo

Hits: 361

Pubblicato da/Copyright: Mototurismo Doc

Data pubblicazione: 21/03/2018

» Informativa responsabilità

» Limiti d'utilizzo/Diritti d'Autore

  • Seguici su FB
  • Seguici su Google+
  • Seguici su Twitter
  • I nostri Widget
Viaggi in moto

VIAGGI DOC IN MOTO

» Il viaggio dei viaggi in moto in Marocco

Viaggio in Marocco - 15 giorni/14 notti

Il viaggio dei viaggi in moto in Marocco

Marocco, tra citta' imperiali, villaggi fortificati, valli suggestive, passi dalle curve mozzafiato e gole spettacolari ...

Strade avventura in moto

AVVENTURA

Strade avventura in Italia
Motoraduni

MOTO RADUNI

Calendario Motoraduni

» Motoraduni Calendario
Tutti gli eventi motociclistici in programma in Italia

Mototurismo annunci

ANNUNCI

top page